RECENSIONE

Recensione | LA NONA CASA [Review Party]

Buon salve lettori finalmente posso parlarvi di questo bellissimo libro, La nona casa, in uscita oggi per Mondadori. Parliamo di un fantasy, un universo nuovo, molto diverso da quelli precedenti della Bardugo!!

La nona casa
Genre:
Publisher:
Published: 5 maggio 2020
Galaxy "Alex" Stern è la matricola più atipica di tutta Yale. Cresciuta nei sobborghi di Los Angeles con una madre hippie, abbandona molto presto la scuola e, giovanissima, entra in un mondo fatto di fidanzati loschi e spacciatori, lavoretti senza futuro e di molto, molto peggio. A soli vent'anni, è l'unica superstite di un orribile e irrisolto omicidio multiplo. Ma è a questo punto che accade l'impensabile. Ancora costretta in un letto d'ospedale, le viene…

Conosciuta per l’universo Grishaverse, presto lo vedremo anche su Netflix e speriamo bene, la Bardugo ci porta a scoprire un nuovo mondo fatto di magia e violenza e potere, un libro a cavallo tra horror e fantasy!

Scordatevi tutto quello che sapete su di lei perché questo romanzo è un altro mondo, indirizzato ad un pubblico adulto con un forte accento sulla violenza e su scene molto esplicite!

Il romanzo, La nona casa, è ambientato a Yale, la Yale di tutti i giorni, con corsi da seguire ma anche con le confraternite. Proprio le confraternite fanno da sfondo all’universo creato, le case antiche con società segrete che padroneggiano magia oscura con macabri rituali, che hanno bisogno di una nona casa che li sorvegli, la Lethe.

universo

Ed è questo il bello, un po’ mi ha fatto ricordare Harry Potter, la magia che si nasconde agli occhi dei babbani, ma che è presente nel mondo comune. La Yale ha un velo che solo chi è dotato di una vista può vedere e scoprire.

Se non avete ancora percepito il mio entusiasmo ora lo esplicito, ho amato questo libro! Un fantasy difficile da categorizzare ma molto avvincente e coinvolgente con un universo ricco di dettagli e sfumature.

Le società segrete di Yale mi hanno conquistato, loro e i loro segreti con la loro magia oscura, perchè altro aspetto che ho amato è tutto un gioco di segreti che solo alla fine si riesce a comprendere.

In questa Yale troviamo Alex, io vorrei fare dieci minuti di applausi alla Bardugo per questo personaggio meraviglioso. Complesso, difficile da decifrare, che ci porta piano piano a scoprire ogni sua crepa di dolore, ogni violenza subita e ci porta lì al momento in cui capiamo chi è Alex, Galaxy, Stern. Vi lascio anche il link della tappa del blog tour dedicata a lei.

È senza ombra di dubbio la mia protagonista preferita degli ultimi tempi, mai banale, niente rosa e fiori e amore e viviamo allegri. È un quadro ricco di emozioni, alcune anche contrastanti tra di loro, dove il bene si sfuma nel male e tu non puoi fare a meno di seguire con il fiato sospeso la lettura per scoprire tutto su di lei.

Non posso non citare Darlington, il mentore di Alex, una figura ambigua che mi ha stupito in una maniera, ero letteralmente a bocca aperta! Lui e il suo orgoglio, la sua dedizione e anche la sua ambizione lo rendono un personaggio pieno, ricco di sfumature e anche in lui intravediamo quel confine tra bene e male che viene oltrepassato.

All’inizio mi stava quasi antipatico, lui saccente, poi scoprendo la sua storia non puoi fare altro che appassionarti anche alla sua vicenda.

In assoluto la storyline di Alex è quella che mi ha conquistato di più ma alche gli altri personaggi, pian piano che si svelano i loro segreti, conquistato. La Bardugo ha questa capacità di presentare dei personaggi scomodi e renderli accattivanti agli occhi dei lettori, appassionandoti alle singole storie!

Unica nota negativa, la parte iniziale diciamo le prima 50/100 pagine risultano un po’ lente e i salti temporali non aiutano tantissimo, risultati un po’ piatti e servono solo a farci entrare nel mondo della Yale delle società segrete. Comunque molto importante perchè essendo un universo molto ricco aiutano questi momenti di spiegazioni e la mappa iniziale così da focalizzare su chi fa cosa! Ma superato questo piccolo ingresso non proprio entusiasmante si entra dentro un universo fatto di magia oscura bellissimo!

L’autrice mi ha conquistato, un universo ricco e pieno di sfumature, uno stile coinvolgente e un intreccio che tiene con il fiato sospeso. Peccato veramente per la prima parte perché la lentezza si sente soprattutto a confronto con la parte finale che è un escalation di azioni che tengono con il fiato sospeso. Riesce ad uscire dalla sua confort zone molto bene, portandoci in un universo per certi aspetti anche difficile da accettare, ma molto coinvolgente!

Il libro gioca molto con due linee temporali, il presente e il passato, così da svelarci piano piano i segreti di Alex e Darlington e della Lethe.

È una lettura che tiene con il fiato sospeso, ho fatto le tre di notte senza accorgermene, si sentivo Lilly e M. russare ma non pensavo di essermi così immersa nella storia da perdere la concezione del tempo.

La Bardugo ci porta a far scoprire senza peli sulla lingua e anche con molte espressioni dirette un universo dove non esiste il bene e il male, ma dove ogni personaggio è condizionato, è ricco di sfumature, un quadro fatto di luci e ombre.

Leggetelo se amata il fantasy e quel tocco di splatter e horror, si insomma se amate una storia che vi prende senza rendervene conto e se non vi scandalizzate a leggere determinate scene esplicite.

Giudizio: 4/5

★★★★

Vittima e carnefice si uniscono in un gioco di luci e ombre

Fatemi sapere se lo leggerete, se avete letto altri libri di questa splendida autrice.

Rispondi