librerie
LIBRI,  VIAGGI

Librerie indipendenti – NYC

Buon salve lettore, oggi finalmente riesco a scrivere uno degli articoli che mi stava più a cuore dopo il viaggio a New York di questa estate, la mia impressione sulle librerie della città .

Purtroppo le due giornate che avevo dedicato alla scoperta delle librerie indipendenti sono state: una flagellate dalla pioggia (quindi gli spostamenti erano un po’ rallentati!) e l’altra dalla chiusura, molte purtroppo per me, erano chiuse per inventario o lavori!!!

Detto questo la prima libreria di cui vi parlo è per nerd, appassionati di fumetti e dei fandom più o meno famosi. Forbidden Planet, si trova vicino ad Union Sq, precisamente 832 Broadway. È al piano terra e il suo ingresso è inconfondibile: lo scudo di Captain America.

È una libreria pazzesca! Non sapevo dove guardare, ci sono stata dentro 2 ore e sono andata via per non spendere un capitale! Ci sono fumetti, graphic novel, manga, gadget, di tutto!

Non ho fatto foto all’interno perchè mi vergognavo, ma me ne pento, perchè è un paradiso di libreria!

Proseguendo da Union Sq verso la Fifth Ave (tra la 5 e la 6 strada) c’è una libreria di viaggi che mi ha lasciato con il fiato sospeso. È Idlewild Books si trova al piano terra, una stanza piccola ma con un’assortimento unico di libri da viaggio. Io ho preso una cartina originale di NYC dove riporta tutti i punti più storici e famosi per i Donut! SI non proprio un libro ma avevo già fatto acquisti folli!

Three lives & Company è la terza libreria che mi ha conquistato, purtroppo non ho potuto ammirare la sua caratteristica porta rossa perchè l’edificio era in ristrutturazione (New York è una città  sempre a lavoro!). È al pian terreno ed è una piccola bolla di magia e parole. Libreria indipendente bellissima ricca di libri interessanti ma la sua perla è il personale, la signora al banco che è riuscita a consigliarmi libri, la magia dei librai.

Il quartiere Soho è quello che mi ha conquistato di più, con i suoi colori e il suo calore, e tra tutti i negozi e locali in cui sono rimasta con la bocca aperta (una quantità infinita di mostre bellissime!) c’è McNally Jackson. È il paradiso in terra, una libreria indipendente bellissima e al passo con i tempi. Ha una vetrina pazzesca e sono rimasta colpita dall’originalità mostrata in qualsiasi aspetto, dalla presentazione dei nuovi eventi alle lampade/libro usate per illuminare il locale. La libreria si sviluppa in due piani, con anche un angolo bar e una parte dedicata alla cancelleria. Ho dovuto fingere di non avere la carta di credito perchè se no il mio conto sarebbe precipitato rovinosamente in basso!

Al secondo piano ci sono dei tavoli, una sorta di angolo studio, in cui ho chiacchierato con una ragazza che mi chiedeva perchè avessi Mac, Polaroid, Canon, iPhone e sopra la mia guida e una valanga di libri. Si mi ero seduta per scrivere un po’ il mio diario e poi mi sono persa a leggere. La ragazza si chiamava Emy se non mi ricordo male e mi ha fatto riflettere come in America ci sia così tanta attenzione versi i libri! Mi ha detto che anche lei era una studentessa ma di una facoltà che non sono riuscita a capire un misto tra medicina e economia… Forse il mio inglese ha fatto cilecca. Fatto sta che il calore e l’accoglienza (parliamo anche di accettazione) che mi ha trasmetto la libreria è stata impareggiabile. È una delle cose che mi porto dentro dal mio viaggio.

Vuoi sapere qual è la mia libreria indipendente preferita di New York?

Strand Book Store, una libreria pazzesca, su tre piani se non ricordo male, immensa. È come mi sono sempre sognata che fosse una libreria, alti scaffali con tantissimi libri, persone che accovacciate per terra o sulle scale a leggere e sfogliare i libri. Qualsiasi genere, QUALSIASI, perchè c’era la storia, politica, economia, narrativa, infanzia, fantasy, horror e chi più ne ha più ne metta! Avrei voluto legarmi al palo centrale della libreria con i libri rari e restare per sempre là, circondata dalla cosa che amo di più al mondo: le persone che amano i libri.

Quando tornerò a NYC sicuramente ripasserò per loro, e lascerò più budget per comprarmi scaffali e scaffali di libri. Ovviamente NYC non è solo librerie indipendenti ma c’è una grandissima catena di librerie: è Barnes & Noble, sono andata in due librerie di questa catena, bellissime anche se quelle indipendenti per me vincono a mani basse!

Spero che vi sia piaciuta questa piccola carrellata di librerie indipendenti di New York, non sono quelle più instagrammabili ma sono quelle che mi hanno accolta e fatto sognare. Vi lascio l’articolo che ho scritto sulla mia esperienza a New York.

Fatemi sapere se volete altri dettagli sul mio viaggio a New York, potrei scriverne per anni interni, anche se spero tantissimo di poterci tornare il prima possibile. (causa virus salta sicuro la mia toccata e fuga di dicembre!!)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: